Organizzare Eventi sostenibili

Non mi ero mai soffermata più di tanto a riflettere sul fatto che la mia partecipazione a convegni, conferenze ed eventi culturali o di altra natura, così come l’organizzazione degli stessi, avesse un impatto sull’ambiente tutt’altro che trascurabile. Fin quando, stamattina, ho partecipato a un corso di formazione sull’organizzazione di eventi sostenibili e sugli acquisti verdi che mi ha acceso diverse lampadine.

Pensiamo alle tonnellate di rifiuti che si producono durante un evento di medie o grandi dimensioni, alla rete di trasporti messa in moto, ai materiali utilizzati per gli allestimenti, per non parlare della quantità di carta stampata e trasformata in volantini, locandine, brochure, attività di segreteria!

Insomma, un consumo di risorse “puntuale” e “temporaneo”, cioè tutto concentrato nei soli giorni in cui l’evento ha luogo, dall’evidente impatto ambientale.

Cosa dunque rimane da fare a un ente pubblico o privato deciso a portare avanti le proprie iniziative fieristiche, culturali, musicali, religiose e quant’altro, in un momento come quello attuale in cui la sensibilità verso l’ambiente sembra essere in crescita anche a livello di opinione pubblica? Rendere il proprio evento più sostenibile attraverso una serie di scelte e comportamenti. È bene sottolineare che è impensabile rendere un evento “verde” da un giorno all’altro e dall’inizio alla fine, ma sono talmente numerose le possibilità che si hanno di fronte che, anche con budget limitati, ci si può indirizzare verso almeno alcune delle strade percorribili.

A partire dall’organizzazione, ovvero la fase pre-evento: segreteria e promozione. Ridurre la quantità di carta utilizzata, sfruttando il retro di fogli già stampati per bozze e documenti interni, fare la raccolta differenziata, scegliere prodotti di cancelleria con marchio ambientale (es. Ecolabel), privilegiare modalità comunicative dell’evento alterative a quella cartacea, ecc. Quando si parla invece di erogazione dell’evento ci si riferisce a tutto ciò che concerne la location, il catering, la scenografia, le strutture ricettive, la mobilità. Spazio alla fantasia ma, soprattutto, alla responsabilità sociale: dunque considerare gli aspetti energetico-qualitativi della location, privilegiare la fornitura di prodotti e servizi ecologici (es. gadget), un catering ecologico e a km zero e, soprattutto, occhio alla gestione dei rifiuti. Ho organizzato la raccolta differenziata all’interno degli spazi? Se sono previsti pranzi o buffet, come prevedo di disporre i punti di raccolta del materiale organico? Sono sicura che andranno a finire in un impianto di compostaggio? Sono sicura che i visitatori e gli addetti alle pulizie abbiano chiaro dove gettare ogni cosa? La mia comunicazione a questo proposito può dirsi chiara?

Per fare un esempio, andiamo al Salone Internazionale del Gusto che, nell’ultima edizione del 2010, ha investito molto impegno ed energia nell’organizzare un grande evento a basso impatto ambientale. Durante i giorni del Salone sono state differenziate 91,58 tonnellate, pari al 58,5% del totale prodotto. Erano state previste le raccolte differenziate di tutte le frazioni (plastica, carta, lattine e vetro, organico, legno e sughero, olio esausto e rifiuto indifferenziabile) presidiate da volontari di Legambiente che hanno aiutato i visitatori a porre il rifiuto nel contenitore giusto. In aggiunta a ciò, in tutti gli spazi gestiti da Slow Food sono state utilizzate solo stoviglie biodegradabili compostabili (cioè quelle da gettare nella raccolta dei rifiuti organici destinati a generare il compost) con un risparmio di 10,6 t di CO2 rispetto alle stoviglie polimeriche.

Anche nell’ultima fase di un evento, congedo e smontaggio, si può fare molto. Basti pensare a cosa può significare massimizzare l’efficienza del trasporto, sia delle persone (es. predisponendo navette o autobus euro 5) che delle merci (privilegiando prodotti e fornitori del territorio e mezzi per l’interno elettrici o manuali), ponendo inoltre attenzione ai materiali utilizzati per l’allestimento: perché scegliere ad esempio la moquette per il mio stand se so che poi andrà dritta in una discarica anziché preferire materiali riutilizzabili?

Insomma, utili e svariate idee per chi promuove eventi ma anche per chi semplicemente vuole organizzare una festa di compleanno amica dell’ambiente.

Fabrizia Petrei

Annunci

6 commenti »

  1. Andhira said

    Secondo me è un tema molto affascinante 🙂 In effetti le cose da fare, anche piccole e apparentemente poco significative sono molte! A volte è più complesso – anche a seconda della tipologia di evento, delle persone coinvolte, delle risorse a disposizione – mentre in altri casi alcune soluzioni sono più semplici da inserire nel percorso. Probabilmente la cosa più importante è coinvolgere appieno chi lavora all’organizzazione, perchè tutti siano pronti a pensare alla soluzione “giusta” in mezzo al delirio organizzativo. Il coinvolgimento dei volontari di cui parli è molto interessante.
    Che tipo di corso hai seguito?

  2. Hi there, I found your blog via Google at the same time
    as looking for a comparable matter, your site came up, it
    appears good. I have bookmarked it in my google bookmarks.

    Hello there, simply was alert to your weblog via Google, and found that it is really informative.
    I’m going to be careful for brussels. I will be grateful for those who proceed this in future. Lots of people will be benefited from your writing. Cheers!

  3. Art said

    Excellent goods from you, man. I’ve take note your stuff prior to and you are simply too wonderful. I really like what you have obtained right here, really like what you’re stating and the way wherein you assert it.
    You make it entertaining and you continue to take care of
    to keep it smart. I can not wait to read much more from you.
    That is really a great site.

  4. Thanks a bunch for sharing this with all folks you really recognize what you are talking
    about! Bookmarked. Kindly additionally consult with my site =).
    We will have a hyperlink alternate arrangement between us

  5. Fantastic items from you, man. I have take into accout your stuff previous to and you are
    simply too excellent. I actually like what you’ve acquired right here, really like what you’re saying and the way in which during which
    you are saying it. You’re making it entertaining and you continue to take care of to keep it sensible. I can not wait to learn much more from you. That is really a great web site.

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: